lunedì 17 dicembre 2007

Nidificatiòn


Da casetta nostra si intravedono montagne e pianura, lontane.
Essì che per arrivarci bisogna spararsi un bel pezzo di strada a tiraculo per la collina.
Ma ti è piaciuta subito, qualche sera prima che te ne andassi.
Chissà se immaginavi che sarebbe stata tua, anche, così subito.
Stanze antiche che sanno della mia famiglia i cui muri conobbero vino, fatica e amore.
Una scala a chiocciola la cui spada di Damocle sarà una Bianchi del 1920.
La credenza zeppa di stoviglie antiche che tu hai imparato presto ad odiare.
Palquet allegro e scricchiolante.
Bagno blindato.
Altarini votivi e incensi.
Una stufa calda e una buona provvista di legname.
Fuori, neve a bizzeffe.
Nel nostro nido rosso, il calore fa sempre presto a salire.

4 commenti:

la rochelle ha detto...

ciao gale innamorato... buone feste!
goditi il tepore del tuo nido (a quando le uova?) ma continua a scrivere... non t'impigrire :)

Adriana ha detto...

TANTI AUGURI!!
(...anche se mi sembra che tu non ne abbia alcun bisogno...)

romHero ha detto...

ma no cara repubblicana, tutti abbiamo bisogno di auguri...non potrei mai peccare così tanto di superbia...:)

ricambio e vengo subito a fare un giro nella Libera repubblica..

CresceNet ha detto...

Hello. This post is likeable, and your blog is very interesting, congratulations :-). I will add in my blogroll =). If possible gives a last there on my site, it is about the CresceNet, I hope you enjoy. The address is http://www.provedorcrescenet.com . A hug.